Dante per ragazzi. Cantica II

Alcuni dei libri di questo Dantedì: il primo in alto è Dante era un figo di Annalisa Strada; Il mattoncino arancione è Vai all’inferno, Dante! di Garlando. Si intravede in fondo alla piramide il saggio di Barbero che, spoilerone e anteprima, sarà nel terzo articolo.

Eccomi di ritorno con la lista di libri su Dante e la Divina Commedia pensati per un pubblico giovanissimo. In questo caso i ragazzi delle medie! (qui trovate la prima Cantica)

Rispetto ai libri per bambini, le pubblicazioni per i ragazzini sono molto più numerose (credo sia comprensibile), ma cercherò di circoscrivere a pochi titoli la bibliografia. Parto dal presupposto che i titoli che ho inserito per “bambini” si possono in molti casi adattare ai ragazzi delle medie, qui li ho separati sulla base dei consigli dell’editore o – in alcuni casi – sulla base del mio personalissimo giudizio.

  • Dante. Una vita d’amore e d’avventura. Beatrice, i lupi e le stelle di Franco Nembrini, Bobo Persico della Piccola Casa Editrice (2015), un libricino di appena 64 pagine illustrate che sì, era disponibile in formato e-book in mlol, ma illeggibile (vedi foto sotto). Mi è dispiaciuto moltissimo non poterlo visionare perché sembra molto molto carino, adatto ad un pubblico anche grandicello, perché il testo non è semplicissimo e presuppone una conoscenza non indifferente del clima politico italiano del periodo (anche semplificato al massimo sono pochi i bambini delle elementari a cui si può spiegare le fazioni guelfe e ghibelline, i Bianchi e i Neri). Non so quale sia il problema, inizialmente credevo fosse il mio e-reader che, essendo un po’ vecchio, non riuscisse a perfomare la resa grafica di immagini+parole. Ma anche sul PC non si vede una mazza, quindi boh. Peccato perché i disegni sembrano dei veri e propri capolavori (e sapete che sono criticona sulle immagini). Se qualcuno volesse vedere una veloce preview, ecco il link di riferimento: DANTE. Beatrice, i lupi e le stelle by Piccola Casa Editrice – issuu. Lo suggerirei ad un pubblico di ragazzi delle medie;
Ecco quello che si vedeva dal PC. Ho provato a rimpicciolire al massimo le dimensioni del testo ma niente, il risultato non è cambiato.
  • Dante era un figo di Annalisa Strada, Piemme, 173 pagine (2020). Questo testo fa parte di una serie curata e scritta da Annalisa Strada (..era un figo: Leopardi era un figo, Omero era un figo, Manzoni era una figo…). Il testo è bellissimo (una carrellata di tutti i canti di Inferno, Purgatorio e Paradiso), unica pecca è la grafica molto molto basic (penso per una scelta di abbattimento dei costi). Ma, di nuovo, il contenuto è ben scritto e molto molto valido. Ed è proprio pensato per scopi didattici. Più di metà del libro è dedicato all’Inferno, scelta condivisa da molti per due ragioni principali: nell’Inferno ci sono un sacco di punizioni elaborate e cervellotiche che però sono interessanti (oltre a mostrare che Dante era rancoroso come pochi); Purgatorio e soprattutto Paradiso elevano lo stile e le tematiche. E, diciamocelo, sono pochini coloro che amano leggere cosa sia la fede o il libero arbitrio in terzine.
Dante era un figo - Annalisa Strada - Libro - Piemme - Il ...
Sul sito dell’editore il libro è consigliato dai 6 ai 10 anni. Ora io mi chiedo chi leggerebbe questo ad un bambino di 6 anni. È chiaramente pensato per un pubblico delle medie, la stessa autrice si chiama professoressa, ma che c’entrano le elementari?!?
  • Vai all’infero, Dante! di Luigi Garlando, edito dalla Rizzoli nel 2020. Garlando è un famosissimo autore di libri per ragazzi, e con questo romanzo ha voluto raccontare Dante in versione inedita. Qui non si tratta infatti di un saggio-commento sul Sommo e la sua opera, bensì di un vero e proprio romanzo. Ambientato ai giorni nostri, il protagonista della storia è Vasco Guidobaldi, erede quattordicenne di una ricchissima famiglia fiorentina. Vasco è un bullo, un buzzurro e un troglodita. Uno di quelli che i professori delle medie sperano di non avere nella propria classe. Infatti Vasco è maleducato (ohmamma, sembro mia nonna), inconcludente e salta la scuola con la stessa frequenza con cui Salvini dice Prima gli italiani. A cambiare tutto non sarà la fata madrina, come nella storia di Cenerentola, bensì un redivivo Dante, tornato dall’aldilà per celebrare i 700 anni dalla sua dipartita. Devo riconoscere all’autore uno straordinario impegno perché Dante parla in terzine. Per tutto il romanzo. E non quelle della Divina Commedia, ma terzine nuove, create per l’occasione. Poffarbacco. Sono ammirata. Sulla storia in sé…non saprei. Bisognerebbe davvero sentire il target di riferimento per capire se funziona. A me i riferimenti costanti a Fortnite hanno fatto sentire immensamente vecchia e acida: al decimo “killare” volevo ucciderlo io Vasco, di persona. Capisco che il tono e il linguaggio siano calibrati per stuzzicare le giovani menti delle medie che giocano a Fortnite. Bisogna vedere quanti di quei giocatori siano poi interessati a leggersi un romanzo corposo (500 pagine nette) su Dante. Ribadisco, apprezzo tanto il tentativo di rendere Dante attuale, con riferimenti a Clementino e alla musica pop; non conoscendo i giovini non so quanto abbia funzionato. Parere personalissimo: trooppo lungo, per me l’ideale sarebbe stato un centinaio di pagine in meno, magari anche con meno riferimenti alle turbolenti lotte intestine alla famiglia (a meno che anche queste siano una riproposizione in chiave contemporanea delle lotte guelfi/ghibellini o Neri/Bianchi nella Firenze due-trecentesca).
Copertina di: Vai all’Inferno, Dante!

Lo so, solo tre titoli dedicati ai ragazzi delle medie, ma, come accennavo sopra, in realtà questa divisione bambini/ragazzi è puramente formale. Molti titoli sono interscambiabili.

Se hai letto altri titoli su Dante, suggerisci nei commenti!

Mi è piaciuto fare un salto nel mondo dantesco per bambini e magari l’anno prossimo ritorno sul tema! So per esempio che è uscito un titolo per Giunti proprio quest’anno, L’amore segreto. Vita di Dante Alighieri, con una copertina orripilante. Sembra uscita direttamente dai mitici anni ’90. Però ho dovuto limitare necessariamente le letture, sennò questo articolo sarebbe uscito tra un anno (se qualcuno lo ha letto, faccia sapere com’è!). Al sito della Giunti si può anche visualizzare l’anteprima, che a me non ha fatto impazzire. Forse il pubblico di riferimento è già più grande, perché alcuni termini sennò non si spiegano (fantesche, desinare, vespero…). La copertina, ribadisco, è da reato. Ma perché sceglierne una così brutta?

L’amore segreto. Vita di Dante Alighieri
Queste copertine sono proprio “vecchie” come stile, come tratto…e poi, dai Dante conosce Beatrice quando sono bambini, mica quando ha già le rughe!!!!

Mi sarebbe piaciuto molto anche leggere Dante e le infernali scienze di Editoriale Scienza, ma non ho avuto tempo (magari mi sono persa delle perle!). Di questo breve libricino, in realtà pensato anche per bambini più piccoli, potete trovare un estratto qui: Dante e le infernali scienze by Editoriale Scienza – issuu. Sembra molto carino.

Dante e le infernali scienze | libro per ragazzi di Luca Novelli | copertina

Vi aspetto tra qualche giorno per la terza e ultima parte su Dante, dedicata alle letture per i grandi!

6 Comments

  1. Io non ne ho letto nessuno, però tieni conto che in una prima media uno dei ragazzi mi ha consigliato proprio “Vai all’Inferno, Dante!”, che gli era piaciuto molto!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...