La giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza e due libri per parlarne

Ok, lo ammetto, questo post nasce molto casualmente e solo perché lavoro a scuola, sennò non avrei nemmeno saputo dell’esistenza di codesta celebrazione (così come ho scoperto che il 21 novembre è la Giornata degli alberi. Amici, so che tutte le date fighe sono impegnate, ma per festeggiare gli alberi non possiamo prendere una radiosa giornata primaverile anziché un’uggiosa e anonima giornata di novembre, quando gli alberi stanno praticamente chiudendo i battenti ed andando in letargo – anche se il meteo clemente di quest’anno ci ha permesso di avere ancora dei magnifici foliage per le città e la campagna?

[P.s. notate quanto faccia figo dire foliage: con foliage uno si immagina una morbida distesa di foglie dai caldi colori autunnali. Se avessi scritto fogliame, uno si sarebbe immaginato le foglie putride marroncine che si formano quando piove e che piacciono solo alle lumache. I miracoli della lingua.]

Comunque, questo per dire che ho due libri da consigliarvi.

L'isola degli smemorati

Il primo, per i bambini più piccoli (primaria), è L’isola degli smemorati di Bianca Pitzorno, nato in collaborazione con UNICEF e per questo disponibile gratuitamente online in formato PDF.

https://www.unicef.it/pubblicazioni/lisola-degli-smemorati/

Una storia molto carina per parlare di diritti dei bambini: su un’isoletta sperduta vivono 9 anziani, che oramai non si ricordano più di esser stati bambini, né che cosa siano i bambini.

Quando un gruppetto di bambini arriva dal mare sull’isola, gli anziani riscopriranno cosa significhi crescere dei piccoli e, nel mentre, anche i diritti fondamentali di ogni bambino.

Da questo libro è stato tratto un film d’animazione (dalla durata di circa 27 minuti), disponibile su RaiPlay.

Ora.

Io oggi ho avuto la sventura di guardarlo in classe e mi sono sentita mancare. Il cartone è del 2005 e gli anni si sentono tutti.

La grafica poi, è qualcosa di orrendo, roba che Biancaneve, uscito nel 1937, è un prodotto all’avanguardia. Però questo è un film a basso budget, e lo capisco.

Quello che mi ha dato il colpo di grazia non è stata tanto l’animazione, ma il doppiaggio. RAGAZZI, IL DOPPIAGGIO. Mai nella vita mi era capitato un doppiaggio così brutto!

L’audio è orribile, e considerate che la classe in cui sono ha una lavagna elettronica nuova. Ma una roba così brutta non si trova manco nel video dello youtuber pippa (a casa si sente di meno).

Si sentiva una costante cacofonia di sottofondo, specie quando parlavano due personaggi insieme, senza contare l’accento davvero assurdo di alcuni degli “anziani” protagonisti: mi spiegate perché su un’isoletta deserta UNO solo di questi anziani deve avere l’accento romanesco? E metto anziani tra virgolette perché è palese che i doppiatori NON fossero anziani, tutt’al più persone di quarant’anni che fingevano con pochissima credibilità di averne il doppio, con risultati agghiaccianti.

La stessa scelta è stata fatta per i bambini: erano tutti, e dico TUTTI, doppiati da adulti in falsetto. OMMAMMMMMMMMA.

Non commenterò altre scelte, per esempio viene ripetuto spesso che i bambini, appena arrivati, assomigliano a scimmie (quando ancora gli anziani non si ricordano cosa siano i bambini). Peccato che questa somiglianza venga rimarcata più volte nei confronti dell’unico bambino nero del gruppo. Voglio sperare in una svista, ma, vi giuro, il risultato è poco felice.

Per non parlare delle musiche. MA CHE CAXXO DI MUSICHE SONO? Ma che è ‘sta lagna?

E, per concludere, alla fine c’è una canzoncina anche carina, peccato che non si capisca una cippa delle parole e sia cantata interamente da adulti. In un cartone per bambini. Ma, scusate, spiegatemi il senso.

Giusto per intenderci, due tra le doppiatrici dei bambini sono nate negli anni Sessanta. Quindi avevano circa 35-40 anni al momento del doppiaggio. MA PERCHÈ??? Non esistevano bambini in grado di ripetere due righe di dialogo?!?

La scelta dello humor è discutibile: vi dico solo che persino un granchio ha 2 battute stupidissime. E pure il granchio parla in romanesco! Inutile dire che la classe è rimasta in silenzio attonito, e questo doveva essere un punto divertente!

Il corto è bruttarello, mentre invece consiglio caldamente il romanzo!

https://www.raiplay.it/video/2019/11/l-isola-degli-smemorati-53b55140-1144-4878-85e1-0f8d70e70bea.html

Il secondo si intitola Dalla parte dei bambini, una raccolta di racconti per ragazzi delle medie, edito dal Battello a Vapore in collaborazione con UNICEF.

L’editore lo consiglia già a partire dai 6 anni. Teneri illusi. No, a parte che le storie sono un tantinello complesse, si rivolgono specificatamente a degli adolescenti/preadolescenti, ragazze e ragazzi che frequentano le medie.

In ogni racconto viene messo in evidenza un diritto specifico, le storielle sono molto corte ed incisive. Molto carino!

Titolo del libro

2 Comments

  1. Mia nonna ha la cassetta con “L’isola degli smemorati” e da piccola la guardavo spesso. Mi hai fatto tornare in mente una parte della mia infanzia ma rivedendolo concordo con te: alcune scelte sono alquanto discutibili e in certi commenti che fanno appena i bambini arrivano sull’isola sento un velo di razzismo così come nella parte dove parlano della scuola. Oggi è molto inattuale 🙈

    Piace a 1 persona

    1. Sì, peccato, perché poi l’idea di base è molto buona; l’isola sperduta, gli anziani che non si ricordano più cosa significhi esser stati bambini…anche il cane e il gabbiano parlante…insomma le idee sono eccellenti” Servirebbe un remake attualizzato, con un doppiaggio di qualità!

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...