tUTtI PaZzI PeR gLi EgIZi

Come avevo accennato in questo post, era da mesi che stavo preparando un articolo sugli egizi. O meglio, era da mesi che avevo i libri sugli egizi per bambini in casa. Poi ho buttato giù quattro righe in mezz’ora.

Come sempre mi scuso per la qualità delle foto: più andiamo avanti, più le foto diventano brutte. Un mistero.

Ah, un’ultima nota: molti dei testi sono della CE Franco Panini Editore. Questo perchè la casa editrice ha diversi libri pubblicati in collaborazione con il Museo Egizio di Torino.

Partiamo subito!

L’avventura dei geroglifici, Animali e bestie strane dell’Antico Egitto & Tombe, sarcofagi e piramidi (Panini in collaborazione con il Museo Egizio)

Si tratta di una collana di brevi saggi sull’Antico Egitto, in collaborazione con La banda delle bende.

La banda delle bende è una collana di romanzi con protagonisti due bambini aspiranti archeologi, Cody e Schiapp, accompagnati da due mummie (e la loro gattina, anche lei mummificata!).

Purtroppo non sono riuscita a recuperare i volumi, che sembrano fighissimi, ma vi lascio il sito della CE dedicato alle loro avventure: La Banda delle Bende.

Questi tre libricini invece sono dei mini-saggi per bambini, in cui i protagonisti della Banda delle Bende guidano i giovani lettori e le giovani lettrici alla scoperta del mondo egizio.

Molto molto carini!

Guida del Museo Egizio

Come suggerisce il nome, si tratta nientepopò di meno che della Guida del celebre museo di Torino. E niente, siccome la classe ha partecipato ad una lezione tenuta da un egittologo del museo, il testo mi sembrava azzeccatissimo!

Io sono fan del Museo (ci sono stata l’ultima volta un paio di anni fa, in un periodo di quiescenza della curva pandemica), ma, a partire dal 2011, ci sono stata almeno 4 volte (e ho intenzione di ritornarci. Anche perché ho impresso nella testa uno dei gelati più buoni mai mangiati nella mia vita, in centro a Torino).

Occhio agli egizi di David Long e illustrazioni di Harry Bloom (L’ippocampo 2020) e Trova Tom nel tempo. Antico Egitto di Fatti Burke (Franco Cosimo Panini 2019)

Entrambi i testi sono stampati in Cina. Ok, lo so, sono cagacappero, ma che spreco.

Comunque, come le immagini fanno intuire, si tratta di libroni dove trovare determinati oggetti o persone all’interno della pagina. In Occhio agli egizi c’è anche la lente d’ingrandimento incorporata. Io li ho portati a scuola e hanno riscosso grande successo.

La serie di Trova Tom nel tempo è pubblicata in lingua originale dal British Museum e contiene diversi titoli: il protagonista, Tom, è un bambino che aiuta la nonna archeologa nei suoi viaggi alla scoperta del passato (ho parlato anche della versione dell’Antica Roma).

E arriviamo ora al mio libro preferito in assoluto, un capolavoro di arte grafica che non smetterò di lodare per molto tempo (preparatevi, negli articoli futuri, a vederlo balzar fuori anche decontestualizzato).

Egittomania di Emma Giuliani e Carole Saturno (Franco Cosimo Panini, 2017)

Pure questo, mannaggia, è stampato in Cina.

Ma è un capolavoro!

Il formato è gigantesco, e si possono aprire una marea di alette laterali che rendono tutto fighissimo! Ok, ovviamente sono di parte, ma anche i bimbini l’hanno apprezzato, ci hanno speso mezz’ora di intervallo a rigirarselo!

Passo ora ad un titolo che fa parte di una collana per bambini molto piccolo (o bambini che sanno leggere molto poco): All’ombra delle piramidi, della Lapis. Al momento la serie è composta da 10 titoli (edizioni Lapis) che vedono come protagonista Nefertina. Dalla serie è tratta una serie animata disponibile su Raiplay, formata da 12 episodi di 10 minuti circa ciascuno (Nefertina sul Nilo – RaiPlay).

Io ho letto il primo, La grande sfida sul Nilo (Lapis 2010, 48 pagine), 5 capitoli e una quarantina di pagine che sono adatte solo a bambini molto piccoli, a causa della semplicità della trama (Nefertina e il suo amico Piramses vincono una gara sul Nilo contro il kattivo Tanfenaton).

All’ombra delle piramidi di Stefano Bordiglioni e illustrazioni di Fabiano Fiorin (EL , 144 pagine)

Siccome sono rompiballe lo dico: qui, a leggere ad una scolasresca di bimbi egiziani, c’è il dio Anubi, dalla testa di sciacallo. Che è il dio dell’oltretomba. Avrebbe dovuto esserci Toth, dio di tante cose tra cui la scrittura, dalla test di ibis.

Si tratta di una raccolta di brevi storie (circa 5 pagine ciascuna) che vedono coinvolti i bambini dell’Antico Egitto.

Le storie sono carine e brevi, accompagnate da disegni azzeccatissimi.

Sebbene l’editore metta come età indicativa “a partire dai 6 anni”, amici e amiche, andate tranquill*, va benissimo per i bambini di quarta elementare!

Torniamo adesso ad un saggio con

Egizi. Una storia pazzesca di Olimpia Medici e Andrea della Fontana (Salani 2020, 144 pagine)

Come struttura del testo mi ha ricordato Storie brutte, una collana che in Italia non si fila di pezza nessuno ma che in UK è celebre.

Il saggio è carino e molto alla mano, con tante curiosità e dettagli. Dato il costo contenuto dell’opera, il volume è in bianco e nero e la parte grafica è quella che ne risente maggiormente. Detto questo, ai bambini è piaciuto! L’ideale, secondo me, sarebbe leggerne alcune parti, magari anche solo qualche capitolo.

L’età di lettura, a mio parere, oscilla: certo, va bene anche per bambini delle elementari, ma può essere un modo divertente di studiare storia anche per i ragazzi delle medie.

Escape book. La piramide della morte di Leonardo Lupo (Piemme – Il battello a vapore 2020, 240 pagine)

Il libro fa parte di una collana di Escape Room che, come il gioco, si basa sulla risoluzione di indovinelli per procedere nella lettura.

Ora, io so che al Battello a vapore sono ottimisti e quindi scrivono come età di riferimento 6-10 anni, ma un bambino di 6 anni non è assolutamente in grado di leggere questo testo. Ma pure di 7 anni. Ad onor del vero, secondo me pure quelli di quarta (10 anni) farebbero fatica. Perchè è un testo innanzitutto corposo (non immenso, ma comunque lunghino) e poi il come affrontare il libro e si suoi enigmi non è mica immediato. Anzi, è piuttosto elaborato come complessità. Quindi, se volete usarlo come base per un gioco (io ci avevo pensato), potete usarlo con bambini già grandi, e con ragazzini delle medie (o superiori).

[Tant’è che su IBS, dove forse sono un pelo più realistici, l’età indicata è a partire dai 12 anni].

Sarei curiosa di sentire se qualche bambin* o ragazzin* è riuscito a completarlo in autonomia.

Prendo l’occasione per consigliare anche Gli spaventevoli egizi della collana Brutte storie, per ragazzi e ragazze delle medie.

Vi lascio anche la compilation della serie tv britannica:

L’articolo era pronto già da un po’, tant’è che nel frattempo ho cambiato lavoro!!!!! Ebbene sì, dopo lunghe e perigliose avventure ho finalmente trovato un lavoro (e sottolineo lavoro, non volontariato) in biblioteca!!!! Ammetto che, dopo anni di aspettative (“Il lavoro in biblioteca è fighissimo, meglio dell’assaggiatrice di dolci!”), la realtà ha ricalibrato di molto i miei ricordi del Servizio Civile in biblioteca. Per esempio, non mi ricordavo LA NOIAAAAAA. Oddio, sono una brutta persona, ma il mio primissimo giorno di lavoro ho fatto ben 4 prestiti (di cui uno a me stessa, quindi non so se conta davvero). Sette ore e mezza di lavoro per 4 prestiti. Volevo piangere.

Però nel pomeriggio con la collega ho allestito un piccolo banco sulle letture queer (in occasione del 17 maggio, giornata contro l’omotrasfobia). Mi sono sentita feliciona (anche se i titoli erano pochini, tra cui Loki e Rainbow Rowell, oltre ai classici Non ci sono solo le arance, Chiamami col tuo nome e Affinità di Sarah Walters, di cui ho letto altri due titoli).

Tra gli aspetti positivi: sono tornata tra i libri!

Tremate, tremate ora avrò una marea di tempo libero per scrivere COSE SENZA SENSO qui sul blog!!!!

2 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...